Dottorato Nazionale in Robotica e Macchine Intelligenti (DRIM)

Recenti decreti legati al PNRR (DM n. 351, DM n. 352) favoriscono la collaborazione tra aziende e università per la creazione di dottorato di ricerca su argomenti comuni.
Grazie al cofinanziamento ministeriale le imprese possono contribuire a finanziare la formazione di un laureato che svilupperà ricerche di interesse comune tra azienda ed università. Queste iniziative hanno favorito la nascita di un Dottorato Nazionale in Robotica e Macchine Intelligenti (DRIM) che si affianca ai dottorati organizzati dalle singole università.
Il Dottorato DRIM nasce da una proposta elaborata dall’Istituto di Robotica e Macchine Intelligenti (I-RIM), con il supporto dei principali settori scientifici disciplinari, dei centri e istituti di ricerca e di SIRI – Associazione Italiana di Robotica e Automazione.
La durata minima dell’attività di dottorato è di 36 mesi e prevede costi di circa 80-90 mila euro per l’intera durata. Tuttavia, grazie al cofinanziamento ministeriale, la cifra a carico delle imprese può ridursi indicativamente del 50%.
Le università devono completare con il ministero le procedure per l’assegnazione delle borse entro il 20 giugno 2022, per cui le imprese interessate dovranno contattare con congruo anticipo le università stesse, proponendo tematiche di ricerca e indicando disponibilità a cofinanziare l’iniziativa.
Invitiamo le imprese interessate a contattare gruppi di ricerca e università con cui si desidera collaborare.
Per ulteriori approfondimenti: Giovanni Legnani (giovanni.legnani@unibs.it), Giuseppe Quaglia (giuseppe.quaglia@polito.it) e direttamente il podcast